“La fine dell’anno è sempre periodo di consuntivi, di analisi dei risultati e di valutazione delle prospettive. I dati dimostrano inequivocabilmente che l’Ateneo gode di ottima salute – commenta il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, prof. Fabrizio Micari – Gli iscritti sono in continua crescita: quest’anno abbiamo avuto un boom di matricole, più di 10.250, con una crescita del 15% rispetto allo scorso anno e del 33% rispetto a quattro anni fa, all’inizio del mandato rettorale: questo dato di forte attrattività testimonia una risposta molto positiva alle strategie su orientamento, formazione e didattica attuate negli ultimi anni. Ma la conferma viene anche dal piano delle assunzioni e delle progressioni di carriera: negli ultimi due mesi dell’anno hanno preso servizio 72 nuovi ricercatori, di tipo A o di tipo B, mentre 100 ricercatori sono stati promossi a professore associato e 52 professori associati sono stati promossi ad ordinario. Si tratta di una dinamica mai verificatasi negli ultimi dieci anni. In questi giorni, inoltre, è stato approvato il bilancio di previsione per il 2020, strumento politico per eccellenza che stabilisce le risorse necessarie per attuare la strategia dell’Ateneo: è previsto di aumentare l’impegno per la ricerca scientifica, anche attraverso l’incremento delle borse di dottorato, di potenziare la sicurezza di aule e laboratori e di realizzare azioni concrete per sostenere gli studenti bisognosi e meritevoli con borse e/o l’assegnazione di alloggi per i fuori sede. Ulteriori risorse sono previste per la sostenibilità ambientale, in particolare per il progetto PlaStop UniPa e per l’attivazione dei servizi di bike e car sharing. Sul fronte della didattica, anche per il prossimo Anno Accademico presentiamo importanti novità, puntando su cinque nuovi corsi di laurea che rispondono agli asset del territorio, alle esigenze del mondo del lavoro e che valorizzano temi come l’accoglienza, l’integrazione e la tutela dei diritti, valori sui quali UniPa è fortemente impegnata. La nuova app, infine, che consente di gestire e organizzare lo studio e la vita universitaria con strumenti molto utilizzati dai giovani come smartphone e tablet, ha avuto un enorme successo. Anche in questo caso l’Ateneo dimostra attenzione agli studenti attraverso l’innovazione tecnologica.”

Assunzioni

Negli ultimi due mesi sono state effettuate 224 assunzioni di personale docente e ricercatore. Nello specifico sono 42 le figure di Ricercatore di tipo A, 30 di Ricercatore di tipo B, 100 quelle di Professore Associato e 52 quelle di Professore Ordinario.

Boom di immatricolazioni

Nell’Anno Accademico 2019/2020 le matricole dell’Università di Palermo sono oltre 10250. Il dato conferma il trend di continua crescita degli ultimi anni con un incremento del 15% rispetto all’AA 2018/2019 e del 33% rispetto all’A.A. 2015/2016. Importante anche la crescita degli immatricolati puri. La conseguenza è la crescita complessiva degli iscritti la cui proiezione, ad iscrizioni ancora in corso, è di 42500 studenti. In crescita anche il dato dei laureati, di circa 7500.

Bilancio preventivo

Gli Organi di Governo dell’Ateneo hanno approvato il Bilancio di previsione 2020. Sono confermati anche per il prossimo anno numerosi importanti interventi in favore della ricerca, con 750mila euro per l’FFR (Fondo di finanziamento per la ricerca) e più di 3,5 milioni di euro per il finanziamento di 124 borse di Dottorato di Ricerca. In soli due anni l’Ateneo ha praticamente raddoppiato il numero di borse di Dottorato.

Grande importanza è stata attribuita alla manutenzione ordinaria e straordinaria e alla sicurezza di aule e laboratori, con uno stanziamento di 4,2 milioni di euro.

Per supportare le esigenze degli studenti in materia di sostegno allo studio è previsto lo stanziamento di 258mila euro per contributi a studenti bisognosi e meritevoli e oltre 150mila per il reperimento di alloggi.

Confermando l’attenzione e l’impegno per la sostenibilità ambientale che l’Ateneo porta avanti già da tempo 30mila euro saranno destinati al progetto “Plastop UniPa” per ridurre sempre più l’uso della plastica nelle sedi universitarie e 40mila euro per la mobilità sostenibile con l’attivazione dei servizi di bike e car sharing.

Infine è stato incrementato il finanziamento per le attività connesse all’internazionalizzazione che ha raggiunto l’importo totale di 3,4 milioni di euro.

Nuova offerta formativa

Nel prossimo anno l’offerta formativa sarà arricchita da cinque corsi di studio di nuova attivazione:

Architettura e progetto nel costruito (L-23 presso la sede di Agrigento), Neuroscience (LM-6, in inglese), Architettura del paesaggio (LM-3), Scienza dell’alimentazione e della nutrizione umana (LM-61) e Migrations, rights, integration (LM-90, in inglese).

App MyUniPa

La nuova app MyUniPa, lanciata con l’avvio dell’Anno accademico, sta riscuotendo grande successo tra gli studenti. Ad oggi le installazioni della app sono quasi 47mila.

Le funzionalità che vengono offerte sono la visualizzazione del piano di studi, la prenotazione degli esami, la prenotazione del ricevimento con i docenti, le notifiche push per ricevere messaggi personalizzati per ricordare scadenze, appuntamenti, eventi e tante informazioni utili, la visualizzazione della UniPa card e della Biblio card, trova aule e laboratori, la visualizzazione dell’offerta formativa con schede di trasparenza, la visualizzazione dell’orario delle lezioni e il download del materiale didattico.

Tra i servizi della app più utilizzati c’è la prenotazione di esami e ricevimento docenti, oltre 21mila e in fortissima crescita negli ultimi mesi. Nell’ultimo mese infatti il 72% delle prenotazioni è avvenuto tramite app (era il 55% due mesi fa e il 6% tre mesi fa).

Altre importanti azioni di semplificazione delle procedure sono la consegna direttamente il giorno della proclamazione della pergamena per i laureati triennali e l’acquisto rilascio Open Badge di lingue e Data Science.

UniPa partecipa a CyberChallenge.IT 2020

Il prossimo mese di febbraio avrà inizio la CyberChallenge.iT 2020, una competizione nazionale promossa dal MIUR e dal Ministero della Difesa che mira a selezionare nuovi talenti nell’ambito della cybersecurity. L’Università degli Studi di Palermo, unica in Sicilia, aderisce all’iniziativa attraverso il corso di Laurea di Ingegneria Informatica. Al momento le iscrizioni sono aperte e tutte le informazioni sono disponibili sul sito https://cyberchallenge.it/