“I soldi che si sono tagliati i dirigenti dello scalo aeroportuale Falcone Borsellino e i tagli per le consulenze devono essere utilizzati per acquistare ventilatori polmonari da donare al Covid Hospital di Partinico”.

La richiesta è di Giacomo De Luca rappresentante del sindacato Legea Cisal. “Il sindacato aveva chiesto una revisione dei compensi a tutti coloro che non erano stati posti in cassa integrazione attraverso un taglio del 20% per gli emolumenti che andavano da 65000 euro a 100000 euro annui e del 30% per i compensi oltre i 100000 euro annui.

L’amministratore delegato ci ha comunicato che sono stati effettuati dei tagli che erano ben oltre le nostre richieste. Adesso chiediamo di conoscere la somma di questi taglie e che questa venga utilizzata per acquistare ventilatori polmonari da consegnare quanto prima al Covid hospital di Partinico che è la struttura più vicina allo scalo Falcone Borsellino”.

Lunedì ci sarà un altro incontro e sarà quella l’occasione per chiedere chiarimenti in merito.