A Palermo la chiesa e il museo di Casa professa chiudono la sera “per non contribuire alla crisi energetica“. L’ultima apertura serale speciale è in programma per domani, 2 luglio.

L’iniziativa contro la crisi

Così anche la chiesa palermitana contribuisce a non “sprecare” energia elettrica contribuendo alla mitigazione della crisi energetica dovuta all’invasione russa in Ucraina e all’andamento ballerino dei mercati internazionali. Per l’ultima volta, tantissime luci per illuminare la sera gli spazi ritrovati della chiesa e del museo religioso che sono simbolo del ruolo dei Gesuiti a Palermo e tornare al centro degli interessi dei siciliani e dei flussi turistici mondiali.

Domani l’ultima apertura serale

Ultima apertura serale speciale, sabato 2 luglio, dalle 20,30 alle 23,30, della Chiesa del Gesù e del Museo di Casa Professa, in piazza Casa Professa, a pochi metri dal mercato di Ballarò a Palermo. “Chiudiamo alle aperture serali speciali – dice il rettore della chiesa padre Walter Bottaccio – perché in un momento di crisi energetica, come quello che sta vivendo l’Italia, anche noi dobbiamo dare il nostro esempio spegnendo le luci e non consumando elettricità che potrebbe essere utilizzata per altri fini emergenziali”.

Fa parte del storico-artistico di Palermo

La chiesa seicentesca mostrerà, con la forza della luce, tutte le sue “perle” esterne e interne by night, per scoprire l’arte sacra del barocco siciliano, e permetterà a chi lo vorrà di conoscere anche il suo museo interno, il cui patrimonio storico-artistico è costituito da opere di pittura, scultura e arte decorativa, ricchi di profondi riferimenti simbolici. Una storia di Palermo, ma anche della sua identità religiosa. L’ingresso serale costa 4 euro per la chiesa, 6 euro per chi volesse vedere anche il museo.

La chiesa aperta ogni giorno

La Chiesa del Gesù e il museo di Casa professa è aperta tutti i giorni anche la mattina dalle 9,30 alle 18,30 e in questo caso il biglietto per la chiesa costa 2 euro e per il museo 5.