La polizia municipale ha notificato quattro ordinanze di chiusura temporanea dell’attività commerciale ad altrettanti titolari di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, tre dei quali ubicati alla Magione, in piazza S. Euno e l’altro in via Principe di Belmonte ed eseguito il sequestro di 500 prodotti alimentari per frode in commercio ad un bar di via Oreto.

Gli agenti del Caep – controllo attività produttive – hanno notificato ai rispettivi titolari, i provvedimenti di chiusura dell’attività per cinque giorni, emessi dal Suap – sportello unico attività produttive – a seguito dell’ occupazione abusiva di suolo pubblico riscontrata con tavoli, sedie ed ombrelloni, senza le previste autorizzazioni comunali che oltre alla sanzione pecuniaria prevede la temporanea chiusura del locale.

I provvedimenti riguardano tre attività di somministrazione di alimenti e bevande ubicate in piazza S. Euno, alla Magione ed una in via Principe di Belmonte.

Il Naf – nucleo antifrodi – ha invece accertato che in un bar di via Oreto, venivano venduti all’interno di due vetrine espositrici, cornetti ripieni,  cassate e sfogliatelle congelate come fossero prodotti freschi, senza alcuna comunicazione agli avventori, nei menu o con appositi cartelli, di consumare un prodotto originariamente congelato.

Gli agenti hanno sequestrato un congelatore all’interno del quale erano conservati 70 bignè vuoti di produzione artigianale propria e 260 cornetti con varie farciture, 100 cornetti vuoti, 90 cassatelle napoletane, 30 sfogliatelle congelate, di produzione industriale.                  

Il titolare del bar, A. M. di 35 anni , è stato denunciato all’autorità giudiziaria per frode in commercio. Continuano i controlli in tale direzione, per garantire gli interessi di tutti i protagonisti del mercato, a beneficio della generalità dei consumatori (sotto il profilo dell’affidamento negoziale) che dei produttori e commercianti (con riguardo al leale e corretto svolgimento del mercato in termini concorrenziali).