Rinviate le elezioni per i nuovi organi dei liberi consorzi comunali e delle Città metropolitane. Nonostante la legge non sia stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana, il presidente Nello Musumeci l’ha promulgata e ha dato notizia sul sito dell’assessorato regionale Autonomie locali.

Un passaggio che di fatto ferma la macchina elettorale per le elezioni programmate per il prossimo 30 giugno.
Proprio il 9 e il 10 si sarebbero dovute presentare le candidature per la carica di presidente dei consigli consortili.

La legge approvata dall’Assemblea regionale siciliana stabilisce infatti “che il rinnovo degli organi dei Liberi consorzi comunali e delle Città metropolitane avvenga, in sede di prima applicazione, in una domenica compresa tra l’1 e il 30 aprile 2020, prevedendo, altresì il prolungamento delle gestioni commissariali in atto, fino e non oltre il 30 maggio 2020, annullando le elezioni già indette con il decreto del presidente della Regione n. 528 del 26 aprile 2019 e quelle già indette per lo svolgimento delle elezioni dei Consigli metropolitani”.