La polizia municipale, a Palermo,  nell’ambito dei controlli sulla movida ha sequestrato le apparecchiature musicali a due locali, rispettivamente in via Panneria e in via Plauto e denunciato il gestore del primo perché invadeva una porzione di suolo pubblico con tavoli e sedie.

Al momento del controllo in via Panneria all’angolo con piazza Monte di Pietà una pedana di circa 40 metri quadrati occupava una porzione di suolo pubblico con tavolini, sedie, ombrelloni e divanetti; tale occupazione invadeva circa il 40% della carreggiata creando una situazione di pericolo e intralcio alla circolazione. All’interno del locale si svolgeva intrattenimento musicale con diffusione sonora a porte aperte e fuori dall’orario consentito. Dal controllo dei documenti è emerso che l’occupazione del suolo pubblico era priva di autorizzazioni amministrative e sanitarie e non conforme al Regolamento Dehors.

Il locale era anche sprovvisto di relazione fonometrica. Il titolare del locale è stato segnalato all’autorità giudiziaria per invasione del suolo pubblico, le attrezzature e arredi, utilizzati per l’illecita occupazione sono stati sequestrati per 10 giorni. Le sanzioni elevate ammontano a oltre 1700 euro.

In via Plauto gli agenti del nucleo controllo attività produttive hanno sequestrato per la seconda volta in una settimana tutte le apparecchiature musicali, nello specifico due gruppi di apparecchiature elettoacustiche, in quanto all’interno del locale si svolgeva intrattenimento musicale con diffusione sonora all’aperto in 2 aree distinte e separate, con generi musicali differenti. L’attività musicale è stata immediatamente interrotta. Considerata la recidività della condotta, le apparecchiature musicali sono state sequestrate per 20 giorni, in applicazione all’ordinanza sindacale 129 del 17 luglio 2019.

Al controllo dei documenti la relazione fonometrica è risultata difforme dalle apparecchiature utilizzate. Le sanzioni ammontano a 200 euro.