Non si ferma il contagio all’ospedale Umberto I di Siracusa. Nella lista dei positivi ci sono un medico del reparto di Stroke unit mentre sale il numero in Geriatria e dopo i pazienti sono stati infettati sia 4 infermieri che 3 medici. Una situazione che sembra non arrestarsi nella struttura sanitaria del capoluogo colpita dal Covid19, infatti sono adesso ben 5 i reparti attaccati dal virus. Proprio ieri, c’è stato un durissimo intervento da parte del gruppo parlamentare all’Ars del Pd, con in testa il deputato Nello Dipasquale, che ha chiesto la rimozione dei vertici dell’Asp di Siracusa, tra cui il direttore generale Salvatore Lucio Cavarra, così come la Cgil Sicilia, mentre l’azienda si è difesa sciorinando numeri sulla bassa incidenza del coronavirus nel Siracusano, tra le più basse in Sicilia. Ma le pressioni sul presidente della Regione, Nello Musumeci, e sull’assessore alla Sanità, Ruggero Razza, sono stati forti nella giornata di ieri, per cui circolano voci, tra i corridoi della politica, di una imminente sostituzione tra la dirigenza dell’Asp.

Preoccupa, a questo punto, la situazione nel reparto di Geriatria, ormai tra i più contagiati, insieme al Pronto soccorso, il primo ad essere stato sotto attacco, al punto che tra i primi a contrarre il virus è stato il primario, poi guarito come emerso dalle parole del sindaco di Portopalo, Comune in cui il medico risiede. Nelle scorse ore un’infermiera del Pronto soccorso, in un post su  Facebook, oltre a dichiarare la sua positività ha denunciato le condizioni di sicurezza precarie in cui gli operatori hanno lavorato, soprattutto nella prima fase dell’emergenza sanitaria. Così come positivo è l’infermiere che due settimane fa ha realizzato un video che scosso l’opinione pubblica.