Era convinta che suo marito avesse una relazione con un’altra donna e dopo aver individuato colei che stava turbando il suo matrimonio l’ha seguita e picchiata. E’ stata denunciata dagli agenti di polizia una giovane di 28 anni, residente a Noto, che deve rispondere di percosse e violenza privata mentre la vittima ha rimediato solo qualche lieve contusione, nulla di grave per i medici del Pronto soccorso che l’hanno visitata.

La vicenda, secondo la ricostruzione del personale del commissariato di Noto, al comando del dirigente Paolo Arena, si è verificata il 28 marzo scorso da quanto raccontato dalla vittima, che, alla polizia, ha spiegato di essere stata avvicinata da una donna che, accusandola di avere una tresca con il marito, l’ha presa a calci e pugni. Non solo, perché la ventottenne si sarebbe impossessata della borsetta della vittima, contenente documenti, titoli bancari ed effetti personali. Gli agenti di polizia si sono recati nell’abitazione dell’indagata, trovando quella borsa poi restituita alla proprietaria, ed al termine degli accertamenti la ventottenne è stata deferita in Procura.

Nell’ambito dei controlli anti coronavirus, gli agenti di polizia di Siracusa hanno denunciato un uomo di 47 anni tornato da poco dalle isole Bahamas ma non avrebbe osservato il periodo della quarantena, per cui è stato denunciato.  A Pachino, gli agenti del commissariato hanno denunciato un uomo di 35 anni per i reati di violenza, minaccia, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, lesioni personali e rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità personale.