Le forti raffiche di vento, che hanno sfiorato i 50 chilometri orari nel Siracusano, hanno creato diversi danni nel capoluogo ed in provincia, funestati dal maltempo. Le folate hanno sradicato alcuni alberi, al punto che si è reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco che hanno evitato altri danni.

Per fortuna, non ci sono state persone ferite anche perchè, a seguito dell’allerta rossa diramata dalla Protezione civile  (che ha avuto come conseguenza la decisione di molti sindaci di chiudere le scuole) le strade  sono rimaste deserte. Ma il vento ha danneggiato molte abitazioni, soprattutto quelle di vecchia costruzione.

I pompieri sono dovuti correre in via Adige, nella zona centrale di Siracusa, per la messa in sicurezza di alcuni edifici, a causa del crollo di intonaci e calcinacci, staccatisi dalle palazzine. Pure ieri si sono verificati interventi analoghi.

Frattanto, il sindaco di Siracusa Francesco Italia, con un’ordinanza, a seguito dell’allerta arancione prevista per domani ha disposto la riapertura di tutti gli impianti sportivi cittadini pubblici e privati, il cimitero cittadino, il cimitero degli Inglesi, le scuole di ogni ordine e grado, gli asili nido pubblici e privati, i parchi e i giardini pubblici, il Parco Archeologico della Neapolis, il Castello Eurialo, il Castello Maniace e i mercati rionali.

“L’ordinanza dispone la permanenza – spiegano dal Comune –  del presidio operativo del Centro Operativo Comunale, fino a cessato preallarme. L’ordinanza fa seguito all’avviso Regionale di Protezione Civile, dal quale si rileva che i livelli di allerta sia per il rischio meteo idrogeologico-idraulico sia per il rischio idraulico, sono passati dal “livello rosso – allarme” al “livello arancione- preallarme” fino alle ore 24 e al livello giallo dalle 00 alle 24 del 13/11. Inoltre è stato dato mandato agli uffici dei Lavori pubblici e Ambiente di verificare, con i propri tecnici e relative ditte convenzionate e concessionarie, le criticità sul patrimonio pubblico e rete viaria comunale”.

Non c’è stato solo il maltempo, in mattinata si è registrato un altro intervento dei vigili del fuoco del comando provinciale di Siracusa, questa volta per lo scoppio di un incendio. Per l’ennesima volta, il rogo è stato appiccato  contro una macchina, parcheggiata in via Luigi Spagna, nella zona nord di Siracusa. Nemmeno la pioggia ed il vento hanno fermato gli autori dell’intimidazioni, ai danni del proprietario della macchina. Una escalation che sembra non avere fine.