Si è da poco conclusa l’attiva di controllo e monitoraggio connessa alla sostenibilità ambientale delle tecnologie di varie aziende ubicate nel territorio di Mazara del Vallo iniziata dall’Arma dei Carabinieri nella parte finale dell’anno appena trascorso.

Sono stati molteplici i controlli dei militari della Compagnia Carabinieri di Mazara del Vallo in collaborazione con i Carabinieri del Centro Anticrimine Natura di Palermo che hanno interessato diversi esercizi commerciali e cantine vinicole del territorio.

In particolare, i militari hanno effettuato diverse campionature delle acque reflue industriali a seguito di prelievi effettuati presso le varie strutture oggetto di controllo.

I campioni raccolti sono stati oggetto di esami di laboratorio e, in un caso, è stata accertata l’immissione nella rete fognaria di reflui industriali con parametri superiori rispetto a quelli previsti dalla legge. Per tale motivo, nei confronti di un amministratore unico di una cantina vinicola mazarese è stata elevata una contravvenzione ammontante a 30mila euro prevista dal Testo unico delle norme sull’ambiente.

La tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini – obiettivo prioritario dell’Arma dei Carabinieri – continuerà, nel nuovo anno, con il consueto impegno e dedizione nell’ottica di una sempre più incisiva azione di tutela del territorio nell’ambito dei reati ambientali.