Del consolidamento di Monte delle Rose a Salemi nel Trapanese, si occuperà un’associazione temporanea di imprese costituita dalla Cave Spadea e dalla Safan srl. A comunicarlo è la Struttura contro il dissesto idrogeologico, guidata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e diretta da Maurizio Croce, che ha definito le procedure di aggiudicazione di un’opera – ribasso pari al 33,5 per cento, importo complessivo 670 mila euro – che si attende da oltre tredici anni. Il sito è a dir poco problematico e le varie frane che si sono succedute, negli anni, hanno creato ai residenti del quartiere Piano Fileccia una legittima preoccupazione.

Gli interventi interessano il versante sud-occidentale della montagna, in un fronte della lunghezza di circa duecento metri compreso tra via Ettore Scimemi e il liceo classico Francesco D’Aguirre (nella foto). Frequenti, nell’ultimo decennio, gli episodi di caduta massi dalla parete rocciosa della montagna, in un’area nella quale insistono diverse abitazioni.

Il progetto prevede il distacco dei blocchi instabili e la collocazione di reti paramassi ad alta resistenza, ma anche il diserbamento e il rafforzamento corticale mediante rete metallica, nonché l’imbracatura di alcuni corpi rocciosi con funi ancorate a chiodature di adeguata lunghezza. Necessaria, inoltre, una massiccia piantumazione a valle che dovrà rappresentare un argine naturale in caso di nuovi cedimenti.

Sempre in tema di dissesto idrogeologico, ma stavolta nel Palermitano, qualche giorno fa è arrivata la notizia dell’avvio della Fase 2 per Monte Gallo, il promontorio che si erge a nord-ovest di Palermo tra le borgate marinare di Mondello e Sferracavallo. In attesa di acquisire il progetto per il consolidamento del versante che si affaccia sul lungomare di Barcarello, l’Ufficio contro il dissesto idrogeologico ha già pianificato l’intervento che servirà a mettere in sicurezza anche gli abitati di Partanna e di Tommaso Natale.
Proprio da Monte Gallo si staccò un masso che uccise una donna dentro la sua abitazione sfondando letteralmente la parete e passando da parte a parte della casa.
La Struttura commissariale ha pubblicato la gara per affidare le indagini geologiche e geotecniche e la progettazione esecutiva. Subito dopo, gli uffici diretti da Maurizio Croce potranno avviare le procedure per fare partire i lavori che serviranno a scongiurare, anche per quest’altra porzione di montagna, il rischio crolli.