Via al progetto e ai lavori per la ferrovia “Palermo-Trapani via Milo”, 100 milioni dal Pnrr

Rete Ferroviaria Italiana ha consegnato all’impresa l’appalto di progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori per la linea ferroviaria Palermo – Trapani via Milo che consentirà di ripristinare il collegamento diretto fra Palermo e Trapani, interrotto dal 2013 per una serie di movimenti franosi lungo la linea. Un’occasione anche per il rilancio turistico del territorio, grazie all’interconnessione più rapida con gli aeroporti dei due capoluoghi: “Falcone e Borsellino” e “Vincenzo Florio”.

Consegnati i lavori alle imprese

I lavori consegnati alla “RTI – Ricciardello Costruzioni Spa (Mandataria) – SE.GE.CO. srl” ed al “RTP – CODING srl (Mandataria) – GP Ingegneria S.r.l. – Edoardo Celletti. Il tratto di linea oggetto dell’appalto è lungo 47 km e attraversa i Comuni di Trapani, Paceco, Erice, Buseto Palizzolo, Castellammare del Golfo e Calatafimi/Segesta.

I lavori in programma

Oltre agli interventi di potenziamento della linea, è prevista anche la riqualificazione della fermata di Segesta Tempio, in prossimità dell’omonima Area Archeologica, e della stazione di Calatafimi, che saranno adeguate ai vigenti standard europei, garantendo un elevato comfort ai viaggiatori e l’accessibilità alle persone con disabilità e a ridotta mobilità. L’esecuzione dell’opera, del valore di circa 100 milioni di euro, richiederà una durata complessiva di circa due anni e mezzo dall’inizio dei lavori, con un impiego giornaliero medio stimato di 150 maestranze.

Le somme dal Pnrr

L’intervento, incluso nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e con gestione commissariale si inserisce nel più ampio progetto di RFI per l’area di Trapani che include l’elettrificazione della linea, gli interventi programmati per la riqualificazione delle stazioni di Trapani e Marsala, la soppressione di passaggi a livello, l’upgrading tecnologico dei sistemi di segnalamento e controllo della circolazione secondo i più moderni standard nonché il nuovo progetto del “Collegamento ferroviario con l’Aeroporto di Trapani Birgi”, anch’esso incluso nel PNRR, che garantirà per l’intero comprensorio un’interconnessione più rapida tra le modalità “ferro/aria”.

Aggiudicata gara da 100 milioni

“Il governo Musumeci – ha detto nei giorni scorsi Marco Falcone – ha creduto nell’inversione di tendenza, raccogliendo il grido d’aiuto del territorio fino anche a scendere in piazza nel 2020, manifestando con i Comuni alla stazione in abbandono di Segesta, per ottenere la dovuta attenzione dal governo nazionale sul ripristino della via di collegamento su ferro più breve fra i due capoluoghi”. “Oggi – ha sottolineato l’assessore regionale alle Infrastrutture – accogliamo positivamente la notizia dell’avvenuta aggiudicazione dei lavori da parte del commissario straordinario Filippo Palazzo, dal valore complessivo di oltre 100 milioni di euro, all’Ati Ricciardello-Sigenco cui spetterà anche il compito della progettazione esecutiva dell’intervento”.