Trovare e applicare anche in Sicilia un modello di sanità che riporti il paziente al centro è possibile. Dare nuovamente centralità alla cura del paziente all’interno del sistema sanitario regionale grazie a strutture territoriali di alto livello sarà l’argomento al centro del convegno regionale che si svolgerà a Caltanissetta, all’Hotel San Michele,  questo pomeriggio dal titolo “La Risorsa territoriale della Rete per la Centralità del Paziente… dalla Diagnostica di Laboratorio alla Medicina Specialistica”.

“Un appuntamento per fare il punto sulla situazione – spiega Elisa Interlandi, presidente regionale Federazione sanità Cidec – con un confronto che unisca tutti i protagonisti della Sanità per valorizzare la nostra proposta sul modello della rete il quale rafforza l’identità del rapporto empatico col paziente, incrementa l’assistenza territoriale, favorisce la sinergia dalla medicina generale alla specialistica”.

L’obiettivo dell’evento non è solo quello di raccogliere informazioni, ma di dare coscienza dell’esistente enorme potenziale disponibile in garanzia del servizio sanitario nazionale. La rete, sfida già accettata da altre regioni, inserita in un sistema operativo debole, elimina il monopolio della Sanità, la mercificazione del paziente, la produzione di massa generalizzata. La rete promuove e rispecchia un modello che coniuga l’eccellenza della produzione professionale finalizzata alla Centralità del paziente. Nel corso dell’evento, il biologo Elio Insirello tratterà del mantenimento dell’esecuzione della fase analitica in rapporto alla correttezza del dato analitico. Lo psicologo Angelo D’Auria si occuperà della Centralità del paziente in sinergia delle risorse umane della rete mentre l’esperto del settore Massimo Rizzuto parlerà delle relazioni di rete.

La Federazione Sanità C.I.D.E.C consolida così un percorso puramente etico e professionale al fianco delle strutture e dei professionisti sanitari al fine di potenziare i servizi territoriali offrendo valore al paziente. La linea di Indirizzo opera sul versante del confronto propositivo e della scelta moderata.