Martedì 16 Luglio, a Caltanissetta, presso il Centro Culturale Polivalente “Michele Abbate”, 100 Giovani da tutta la Sicilia si incontreranno per ripartire dai 12 Punti dell’ “Appello ai Liberi e Forti” di Don Luigi Sturzo per una giornata di formazione politica e di condivisione di idee e per costruire assieme le nuove linee politiche dell’UDC.

Tra gli interventi sono previsti quelli dei componenti del direttivo nazionale con il segretario nazionale Lorenzo Cesa e regionale della Sicilia che vede Decio Terrana tra i promotori dell’ evento, presenti anche ospiti internazionali e qualificati relatori chiamati a reinterpretare assieme ai giovani i valori e le tradizioni che contraddistinguono l’ area moderata che vuole promuovere l’ UDC, l’ evento sarà utile per tracciare un percorso nuovo che coinvolgerà il partito nel prossimo futuro.

Un progetto che mira al coinvolgimento dei giovani e alla riscoperta del valori del pensiero sturziano, ancora oggi di straordinaria attualità.

“L’ evento – scrivono in una nota gli organizzatori – promosso dal Coordinamento Nazionale e Regionale dell’UDC ha l’obiettivo di formare una nuova classe politica e dirigenziale che si troverà presto alla guida delle Istituzioni Regionali e Nazionali, ma anche a valorizzare la presenza di quanti oggi amministrano numerosi centri con responsabilità e impegno”.

L’ incontro vedrà partecipare tutti i massimi esponenti del Partito, la deputazione siciliana e gli assessori, sindaci e amministratori locali, vedrà la presenza di ospiti internazionali, quali il Ministro alla Cultura ed alla Scienza della Polonia, così come altri importanti ospiti e rappresentanti della società civile e del volontariato. Ampio spazio sarà inoltre garantito al dibattito aperto a tutti i presenti.

Scrivono ancora gli organizzatori: “A 100 anni dai 12 Punti dell’ ”Appello ai Liberi e Forti” di Don Luigi Sturzo, presentiamo 12 Nuove Proposte da cui Ripartire: Tutela dell’Uomo e della sua Famiglia con Politiche Economiche e Occupazionali adeguate al Terzo Millennio; Politiche Valide perchè l’Acqua, Nostro bene Primario, diventi Pubblica ed Accessibile a Tutti; Università Libera e Indipendente che sia strumento di Crescita Civile e di Sviluppo Economico per il Territorio; Sanità di eccellenza che rappresenti sicurezza per la Salute dei Siciliani e che eviti di cercare Cure negli Ospedali del Nord Italia,guidati il più delle volte dai Nostri Medici Siciliani; Invertire il processo di spopolamento dei Comuni Siciliani con adeguate politiche di Rivalutazione e Sviluppo del Territorio; Impedire la “Fuga di Cervelli” dei Nostri Ragazzi Siciliani con investimenti, direttamente sul Territorio, sulle Nuove Tecnologie, su Startup e Nuove Imprese; Fiscalità di Vantaggio per arginare i processi di delocalizzazione delle Aziende, tartassate dal sistema fiscale; Reti Stradali e Ferroviarie per una Viabilità scorrevole, resistente ed adeguata al terzo millennio, grazie alle Innovazioni Tecnologiche; Valorizzare e Supportare la Nostra Agricoltura biologica, sempre di ottima qualità; Creare Condizioni Ottimali di Sviluppo per il Turismo in una Terra piena di Storia, di Beni Culturali di altissimo livello e di un sistema AgriFood di Qualità eccezionale; Valorizzare tutte le Fondazioni intitolate ai Grandi Letterati Siciliani e promuovere valide Politiche Giovanili; Formare una Classe Dirigente Colta, Garbata ed Ispirata ai Valori della Dottrina Sociale Cattolica”.