“Moltiplicare su tutto il territorio regionale la verifica attraverso tamponi è una scelta condivisa che anche l’ANCI Sicilia ha fatto propria in occasione dell’ultimo Ufficio di Presidenza, svoltosi in videoconferenza il 23 marzo scorso. Auspichiamo che all’attivazione di un laboratorio all’ospedale Umberto I di Siracusa per le procedure diagnostiche di Covid-19 possano aggiungersi, presto, altri laboratori privati accreditati con il fine di estendere l’esecuzione dei tamponi rino – faringei a tutte le categorie a rischio di contagio”. Ha dichiarato Leoluca Orlando presidente di ANCI Sicilia.

“Dotare la Sicilia di una maggiore capacità di effettuare ed elaborare i tamponi è un’esigenza primaria per arginare il contagio – continua Orlando – e un attento screening dei potenziali soggetti a rischio, anche asintomatici, è certamente una delle misure necessarie a contenere questa devastante pandemia”.

Intanto il contagio in Sicilia cresce. Dall’inizio dei controlli, i tamponi validati dai laboratori regionali di riferimento sono 8.374. Di questi sono risultati positivi 994 (148 + di ieri), mentre, attualmente, sono ancora contagiate 936 persone (+137 rispetto a ieri).
Sono ricoverati 399 pazienti (50 a Palermo, 126 a Catania, 91 a Messina, 1 ad Agrigento, 17 a Caltanissetta, 53 a Enna, 17 a Ragusa, 22 a Siracusa e 22 a Trapani) di cui 80 in terapia intensiva, mentre 537 sono in isolamento domiciliare, 33 guariti e 25 deceduti (1 ad Agrigento, Messina, Palermo e Siracusa, 2 a Caltanissetta, 6 a Enna e 13 a Catania).

La situazione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 47; Caltanissetta, 43; Catania, 288; Enna, 83; Messina, 168; Palermo, 186; Ragusa, 21 Siracusa, 52; Trapani, 48.