Emergenza coronavirus: la Fp Cgil Palermo e la Cisl Funzione pubblica Palermo Trapani hanno inviato una lettera alle direzioni generali di Asp Palermo, Arnas Civico, Villa Sofia-Cervello, fondazione “G.Giglio” di Cefalù e ospedale Buccheri La Ferla Fatebenefratelli chiedendo un incontro urgente con le diverse aziende.

La situazione, con il primo caso registrato a Palermo e il proliferare nel Paese dei contagi da “coronavirus”, impone, scrivono nella lettera Fp Cgil e Cisl Fp, di “gestire la fase attuale con responsabilità e competenza che sicuramente non mancano alle strutture che voi dirigete”.

Un’emergenza che richiede l’intervento diretto e l’attenzione vigile da parte del personale medico e paramedico.

“E’ preoccupante il numero di operatori sanitari infettati perché, è fuor di dubbio, in questa battaglia in prima linea ci stanno medici, infermieri, Oss, operatori sanitari. Spetta alle lavoratrici e ai lavoratori della sanità accogliere, prendere in carico, assistere e curare gli ammalati – scrivono i segretari generali di Fp Cgil Giovanni Cammuca e di Cisl Fp Lorenzo Geraci – Questo lavoro deve essere svolto in piena sicurezza a tutela degli assistiti e degli stessi operatori perché nella sciagurata ipotesi che qualcuno di loro si ammali ci sarebbe un paziente in più e anche un operatore in meno la cui assenza graverebbe pesantemente nell’organizzazione del lavoro”.

Al fine di definire provvedimenti organizzativi, misure da adottare a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori e l’eventuale potenziamento dei servizi sanitari mediante assunzioni straordinarie, i sindacati chiedono ai dirigenti un incontro urgente per ciascuna azienda.

I sindacati della Funzione pubblica oggi invieranno altre lettere in tutti i posti di lavoro dove c’è il front-office e quindi contatto diretto con il pubblico e maggiore rischio di esposizioni, come Inail, Inps, enti locali, porto e aeroporti, dove ci sono Agenzia della dogana e Croce rossa.

Fondamentale – per i sindacati – è la formazione del personale, a partire dal corretto modo di indossare i dispositivi di protezione individuali. Altre lettere sono state già partite nei giorni scorsi.