Sono numerosissime le norme di semplificazione amministrativa e cancellazione di oneri e balzelli inseriti nella finanziaria regionale al fianco di molti altri interventi di natura diversa.

Fra queste l’iniziativa dell’assessore regionale al territorio e ambiente Toto Cordaro che stoppa i canoni ambientali per gli interventi contro il dissesto idrogeologico da parte dell’ufficio del Commissario di governo regionale. “Approvata, nella legge finanziaria, una norma importante, a mia firma -scrive su facebook l’assessore – che facilita l’attività dell’Ufficio del Commissario di Governo per il Dissesto Idrogeologico. Semplifichiamo le procedure e snelliamo i percorsi amministrativi, per una Regione più trasparente ed efficace!!”

Si tratta di un emendamento al comma 6 dell’articolo 23 ultimo ad essere approvato in serata in aula.

“La Finanziaria di emergenza voluta dal governo Musumeci e approvata dall’Ars contiene provvedimenti a 360 gradi, fondamentali per contrastare la crisi economica senza precedenti causata dal Coronavirus. Si tratta di aiuti concreti e mai così ingenti nei confronti di imprese, famiglie, operatori della Sanità, enti locali, Società partecipate – per pagare gli stipendi, come ad esempio Riscossione Sicilia ed ex dipendenti EAS- ed a favore di settori nevralgici come il Turismo, lo Sport e la Cultura” afferma, invece Alessandro Aricò, capogruppo all’Ars di DiventeràBellissima, aggiungendo: “Tramite l’Irfis saranno garantiti crediti ad interessi zero e in parte a fondo perduto alle famiglie e agli operatori economici, ed analogo sostegno andrà agli artigiani con un fondo presso la Crias e alle cooperative attraverso l’Ircac. Importanti anche il bonus di mille euro agli operatori della Sanità coinvolti nell’emergenza Coronavirus, gli aiuti agli operatori del Turismo, l’esenzione del bollo auto per chi ha redditi bassi e dei canoni relativi al 2020 per i lidi balneari. Per i Comuni sono previsti ben 300 milioni e le fasce sociali più deboli delle famiglie avranno un sostegno finanziario dalla Regione anche per il pagamento delle utenze domestiche e dei canoni di locazione delle prime abitazioni. Inoltre sono previsti 5 milioni per i siti Unesco- veri e propri beni dell’Umanità- 4 per nidi e scuole dell’infanzia ed un sostegno all’editoria siciliana”.

Ci sono, poi, altri provvedimenti di natura e matrice diversa fra cui quelli voluti da Forza Italia, vi sono le norme che prevedono: le ‘agevolazioni per le imprese’ che assumono dipendenti a tempo indeterminato; il ‘rifacimento delle facciate’, stanziati 50 milioni, verranno assegnati mila euro ciascuno ai proprietari di immobili privati; Inoltre, l’esenzione, per il 2020, del pagamento del bollo auto fino a 54Kw e per redditi fino a 15 mila euro; assegnati 5 milioni agli enti che gestiscono i siti Unesco siciliani; previsti mille euro aggiuntivi per gli operatori sanitari Covid 19; e ancora, biglietti gratis sui mezzi di trasporto pubblico per forze dell’ordine e vigili del fuoco.

Una boccata d’ossigeno anche per le aziende agricole per le quali sono previsti 50 milioni, 30 per il settore della pesca e 20 per quello florovivaistico. Salvi, infine, per un impegno forte di Forza Italia, le risorse pari a 600 milioni di euro destinate alle Aree Urbane e alle Aree interne.

“Si tratta – aggiunge Miccichè – di provvedimenti rivolti alle fasce deboli, per il sostegno alle imprese che assumono nuovi lavoratori, al circuito dell’edilizia, al sostegno delle attività culturali e un ristoro per gli operatori sanitari, dei vigili del fuoco e delle forze dell’ordine”.

“Reputo importante – sottolinea – la norma che prevede le agevolazioni per le imprese che assumono dipendenti a tempo indeterminato. Sarà la Regione a versare i contributi previdenziali e assistenziali fino al 31 dicembre 2020. Si tratta di uno stimolo all’occupazione, che mi auguro che le imprese siciliane non si lasceranno sfuggire. Sempre nell’ottica di creare subito opportunità di lavoro nuovo – prosegue Miccichè – è la norma che assegna un contributo di 5 mila euro a ogni privato che rifarà i prospetti. In un momento come quello che stiamo vivendo a causa dell’epidemia da Covid-19, permetterà di migliorare il decoro delle città e darà una boccata di ossigeno a maestranze e imprese edili”.

Anche il settore sanitario beneficia di provvedimenti voluti da Forza Italia con il contributo di mille euro aggiuntivi per gli operatori sanitari Covid, che sono gli attori principali in prima linea a combattere contro il virus. Va nella stessa direzione, di gratitudine e riconoscimento per due categorie, forze dell’ordine e vigili del fuoco, che ogni giorno garantiscono la sicurezza e l’incolumità dei cittadini concedendo loro il biglietto gratuito sui mezzi di trasporto pubblico.

“Infine – ha aggiunto Miccichè – l’Ars ha riconosciuto quanto sostenuto da Forza Italia sul riconoscimento di un contributo al patrimonio dell’Unesco, per far fronte alle perdite degli incassi provocate dal Covid – 19. Un ristoro necessario per il patrimonio dell’Unesco, grande attrattiva culturale, penalizzato dall’assenza di turisti a causa dell’epidemia”.

“Grazie a noi – ha concluso Miccichè – sono stati stanziati 50 milioni per le aziende agricole, 30 milioni per il settore della pesca e 20 per il florovivaistico”.