Un incendio si è originato nell’area del Parco archeologico di Portopalo di Capo Passero che custodisce i resti di un’antica tonnara di epoca greca. Un episodio fortemente condannato dal sindaco, Gaetano Montoneri, che è arrivato sul posto, poco dopo lo scoppio del rogo, domato poi dai vigili del fuoco del comando provinciale di Siracusa.

“Oggi vergognoso scempio al Parco archeologico, la cui pulizia era iniziata la scorsa settimana per forte volontà dell’assessore ai Lavori Pubblici Rachele Rocca grazie ai volontari dell’Ipf Ci siamo subito recati sul posto e l’intervento tempestivo dei vigili del Fuoco ha eliminato il pericolo. E’ stata emanata un’ordinanza che impone la pulizia dei fondi incolti: entro il 10 giugno – spiega il sindaco di Portopalo, Gaetano Montoneri –  i proprietari devono provvedere a pulire perbene i propri terreni incolti. Dall’11 giugno ci saranno dei controlli a tappeto e sanzioni amministrative ed interventi sostitutivi che saranno addebitati al proprietario. Saremo rigidi, la pulizia, l’igiene, la sicurezza prima di ogni cosa”.

I vigili del fuoco dovranno accertare se l’incendio è di matrice dolosa oppure si è trattato di un episodio accidentale causato dalle alte temperature come del resto proprio ieri aveva anticipato la Protezione civile con la diffusione di un bollettino.

Ieri, situazione difficile a Palermo, infatti per spegnere i roghi sono impegnati  numerose squadre dei vigili del fuoco. La notte appena trascorsa è stata squarciata dalle fiamme su Monte Cuccio. Per tutta la notte i vigili del fuoco hanno lavorato per contenere il fuoco e proteggere le abitazioni nelle zone di Baida e Bellolampo, ma anche a San Martino.