Distribuzione Cambria, azienda che opera in Sicilia e Calabria con insegna Spaccio Alimentare, ha appena inviato nota alle organizzazioni sindacali con la quale ufficializza un affitto ponte in attesa della definitiva procedura di vendita a Fratelli Arena di 10 esercizi commerciali nel territorio siciliano.

Da quanto si evince dalla comunicazione aziendale, i punti vendita interessati sono quelli di Siracusa, Catania, Aci Sant’Antonio, Milazzo, Giardini Naxos, Centro Sicilia (Catania), Lascari e su Palermo via Crocifisso, via Ingham e via Ugo La Malfa.

Secondo quanto comunicato, l’accordo di ristrutturazione dei debiti proposto da Cambria è stato accettato dall’85% dei creditori, permettendo in questo modo all’azienda di onorare i propri impegni, anche nei confronti dei lavoratori ad oggi in attesa di stipendi arrettati.

Resteranno, invece, in capo a Distribuzione Cambria i Cash & Carry di Messina, Milazzo e Torrenova e i punti vendita di Rosarno e Acireale, nonchè i due Fast Chef di Misterbianco e San Giuseppe La Rena.

“Seguiremo attentamente gli sviluppi della vertenza – afferma Mimma Calabrò, Segretario Generale dell Fisascat Cisl Sicilia – Da quanto comunicato dall’Azienda, sembrerebbe che ci siano i presupposti per una serena continuità occupazionale dei dipendenti dei 10 punti vendita interessati”.

“Attendiamo adesso che si ufficializzi la vendita per sederci al tavolo e avviare tutte le procedure previste dalla legge per il passaggio dei lavoratori a Fratelli Arena – conclude la Calabrò – Resteremo comunque vigili continuando a monitorare la situazione dei punti vendita rimasti in capo a Distribuzione Cambria a tutela dei lavoratori non coinvolti nel passaggio”.

Leggi anche: Trovata una soluzione per la vertenza Cambria: ceduti dieci negozi e salvati posti lavoro

Senza stipendio da mesi i lavoratori di Spaccio Alimentare, la società diserta tavolo al Mise

Venti posti di lavoro a rischio, proteste nei supermercati “Spaccio Alimentare”

Stipendi in ritardo nel gruppo Spaccio Alimentare, è sciopero ad oltranza