ricordato a corleone il sindacalista

Memoria, 70 anni fa la mafia uccideva Placido Rizzotto

Padre Angelo Inzerillo, in rappresentanza dell'Arcidiocesi di Monreale, ha detto: "Abbiamo bisogno di ricordare per vivere nella legalità, diciamo grazie a Rizzotto per esserci stato. Adesso è venuto il nostro momento di portare avanti ad alta voce un percorso di trasparenza legalità e giustizia".

parla il sindaco di palermo

Giornata della Memoria, Orlando: “Bisogna promuovere l’accoglienza”

Per il sindaco: "Oggi, ricordare ciò che è stato non è soltanto un obbligo morale, ma è necessario per diffondere e promuovere la cultura dell'accoglienza, del dialogo e dell'incontro fra tutte le culture perché ciascuna è portatrice di valori e storie che soltanto unite fanno la ricchezza del genere umano".

la commemorazione in viale campania

39 anni fa la mafia uccideva a Palermo il giornalista Mario Francese (VIDEO)

La sera della sua morte, Francese stava facendo rientro a casa dalla redazione del Giornale di Sicilia, dove lavorava come cronista. Arrivato sotto casa, scese dall’auto e fece pochi passi, quando il killer di Cosa nostra, Leoluca Bagarella, gli sparò alle spalle numerosi colpi d’arma da fuoco calibro 38.

dopo il successo di pubblico ieri sera su rai 1

Il film su Rocco Chinnici proiettato al Parlamento Europeo

Il film, basato sull’omonimo libro scritto dall’eurodeputata Caterina Chinnici, figlia di Rocco, è stato diretto dal regista Michele Soavi e prodotto da Casanova insieme con Rai Fiction. A prestare il volto al magistrato ucciso dalla mafia nell’estate del 1983 è Sergio Castellitto.

tutti gli appuntamenti

Corleone e Palermo ricordano l’avvocato Ugo Triolo e il giornalista Mario Francese uccisi dalla mafia

Una data, il 26 gennaio, che lega tragicamente il destino di due uomini: quel giorno nel 1978, infatti, in via Cammarata a Corleone la mafia uccise l’avvocato Ugo Triolo, vice pretore onorario di Prizzi. E tra i primi a indagare sull’omicidio fu il cronista del Giornale di Sicilia Mario Francese, ucciso dai Corleonesi esattamente un anno dopo, il 26 gennaio del 1979.

presente alla cerimonia anche il fratello del parroco ucciso dalla mafia a brancaccio

Intitolata a Padre Puglisi una sala del carcere minorile Malaspina

"Per me i sacerdoti si dividono in due categorie: quelli che lo fanno per vocazione e quelli che lo fanno per mestiere. I primi saranno sempre un punto di riferimento e un esempio da seguire, per i secondi mio fratello sarà sempre una spina nel fianco". Così Francesco Puglisi.

domenica la visita del presidente mattarella nei luoghi coinvolti dal sisma

Cinquant’anni fa il terremoto del Belìce, una mostra racconta la tragedia (FOTO)

Alle 16.48, ci fu la terza scossa: si sbriciolarono i muri di Gibellina, Menfi, Montevago, Partanna, Poggioreale, Salaparuta, Salemi, Santa Margherita e Santa Ninfa. Nella notte, alle 2.33, un’altra scossa molto violenta si avvertì fino a Pantelleria. Ma quella devastante, definitiva, fu alle 3.01: il Belìce non esisteva più.