Incidente mortale questa mattina in provincia di Palermo. Un uomo di 71 anni, Giuseppe Marino, residente ad Altavilla Milicia ha perso la vita.

L’uomo viaggiava da solo a bordo della sua Fiat Panda, bianca, in contrada San Michele, quando per cause non ancora accertate si è schiantato contro un muro.

L’uomo è un pensionato emigrato negli Stati Uniti e rientrato da anni in Sicilia.

E’ stata una donna residente in zona a chiamare i soccorsi. Sono intervenuti i sanitari del 118 e i vigili del fuoco. pompieri hanno estratto il corpo dell’anziano dalle lamiere contorte.

Il ferito è stato trasportato all’ospedale Civico, ma qui è morto. Sarà compito degli agenti della polizia municipale ricostruire la dinamica dell’incidente e stabilire eventuali responsabilità. Non è escluso che l’uomo si sia sentito male e abbia perso il controllo del mezzo, schiantandosi contro un muro.

Si tratta dell’ennesima tragedia della strada degli ultimi giorni. L’ultima vittima in ordine di tempo è stata Giuseppe D’Amico, 19 anni, morto nella notte fra il 26 e il 27 giugno a causa di un incidente stradale con il suo scooter sulla strada statale 114 all’altezza dell’incrocio con via Naxos, a Giardini Naxos (Me).

Il giovane era a bordo di uno scooter Piaggio Beverly e si è scontrato con un’auto. D’Amico è morto sul colpo una giovane, che era con lui e ora è in prognosi riservata.

Quattro giorni prima un altro incidente mortale si era registrato sull’autostrada A29, lungo la diramazione che da Alcamo conduce a Trapani.

Un mezzo pesante, per cause ancora da accertare, è finito contro le barriere spartitraffico e nell’impatto il conducente ha perso la vita.

Nella notte fra il sabato e la domenica precedenti, infine, era morto investito sulla circonvallazione di Palermo un ragazzo di 17 anni i cui strazianti funerali si sono tenuti esattamente una settimana fa

Emblematica la frase scritta in un grande striscione realizzato per la triste occasione: “Per noi rimarrai sempre la parte migliore di tutto il peggiore”. La scritta porta la firma di tutti i ragazzi del quartiere Noce. L‘uscita del feretro dalla chiesa del chiesa Sacro Cuore di Gesù della Noce è stata anticipata dal volo delle colombe. Anche qui un lungo applauso e urla per Agostino.