Gli spaghetti alla Don Michele sono un piatto entrato per caso nella tradizione  della cucina natalizia. La leggenda narra che Don Michele, sempre affaccendato e dedito al suo lavoro, arrivò tardi in pescheria la sera della vigilia di Natale. La pescheria stava per chiudere e sul bancone era rimasto pochissimo. Un vero disastro. A casa, tutti aspettavano Don Michele ai fornelli. Era tradizione che la sera di Natale, fosse proprio il capo famiglia ad esibirsi in cucina. Com’è, come non è, Don Michele cercò bene tra pesci e molluschi che erano rimasti invenduti. E fece la spesa: un chilo e mezzo di vongole veraci, un bicchierino di quell’elisir che sono i ricci di mare e quattro gamberoni quattro.  Aveva già in mente una pietanza tutta nuova. Fece saltare le vongole,  quando tutti gli elementi del piatto erano già pronti per essere serviti, maneggiò la pasta con un cucchiaio d’acqua e aggiunse i ricci di mare. Infine, decorò ogni piatto con la tartara di gamberoni che aveva preparato nel frattempo e una spolverata di sale grosso e pepe nero. Un successo incredibile. Da allora, quella versione particolare degli spaghetti con le vongole porta il nome di Don Michele.

Gli ingredienti per gli Spaghetti alla Don Michele

  • 320 g spaghetti
  • 1 kg vongole
  • un bicchiere di vino bianco
  • una testa d’aglio
  • 350 g gambero rosso di Mazara
  • 30 gr olio di oliva
  • Un bicchierino di ricci di mare
  • Sale e pepe a piacere
  • un tocco di peperoncino
  • un po’ di prezzemolo

Come preparare gli Spaghetti alla Don Michele

Prima di preparare gli spaghetti alle vongole veraci, fate spurgare  le vongole in acqua di mare oppure in acqua fredda e sale. Passato il tempo necessario, scolatele e ripassatele di nuovo sempre con dell’acqua fredda. Controllate che non ci sia più sabbia. Mettete le vongole in una padella con l’aglio e il vino bianco a fuoco vivo, fate evaporare l’alcol, poi sigillate con un coperchio fino a quando le vongole saranno totalmente aperte. Scolatele e recuperate il sughetto ottenuto che andrete a filtrare e a tenere da parte. Fate rosolare a fuoco basso l’aglio con poco peperoncino a aggiungete le vongole, l’acqua filtrata in precedenza e insaporite per qualche minuto. Tritate finemente del prezzemolo.  Nel frattempo preparate una tartare di gamberoni, cercando di rispettare la preziosa polpa del crostaceo.  Cuocete gli spaghetti in acqua salata e ritirateli molto al dente per non rischiare che in padella scuociano. Quando gli spaghetti sono cotti, versateli nella padella con le vongole e aggiungete i ricci di mare, fino a quando tutto il condimento sarà omogeneo. Impiattate gli spaghetti e guarnite con un tocco di tartare di gambero rosso.