Da una parte l’effetto del contagio da Covid-19, che sabato scorso, ha colpito un medico e due infermieri del reparto di Oncologia, dall’altra le nuove disposizioni del Covid team inviato dalla Regione per la gestione dell’emergenza coronovirus a Siracusa. Fatto sta che i pazienti di Oncologia dell’ospedale Umberto I del capoluogo sono stati trasferiti al Di Maria di Avola, ospedale non Covid della provincia aretusea.

“Nella gestione dell’emergenza da epidemia da Covid 19, al fine di tutelare – fanno sapere dalla direzione dell’Asp di Siracusa – i pazienti oncologici, notoriamente pazienti fragili e garantire la continuità assistenziale, l’attività della UOC di Oncologia dell’Ospedale Umberto I di Siracusa viene trasferita presso l’Unità operativa di Oncologia dell’Ospedale di “G. Di Maria” di Avola, presidio ospedaliero non-Covid 19, allocata al 4° piano. Ciò consentirà tra l’altro anche la realizzazione del secondo Pronto soccorso non-Covid-19 all’ospedale Umberto I secondo il Piano aziendale Covid”.

L’Asp di Siracusa assicura che anche al Di Maria di Avola i pazienti saranno sottoposti alle cure. “I pazienti continueranno a ricevere – fanno sapere dall’Asp – i trattamenti chemioterapici, immunoterapici e le target therapy in regime di DSAO, l’ambulatorio per le prime visite e le visite urgenti, l’ambulatorio dedicato alle terapie orali ed i ricoveri in regime di degenza ordinaria. Per qualunque bisogno i pazienti possono continuare a rivolgersi al numero telefonico di segreteria 0931.724468, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12,30, oppure per email
all’indirizzo oncologia@raosr.it”.