il testo della lettera a morra

Strage di via D’Amelio, Salvatore Borsellino diserta l’Antimafia: “Avrò pace solo quando verrà restituita l’agenda rossa”

Per il fratello del magistrato ucciso in via D'Amelio "è necessario che quella Agenda Rossa che è stata sottratta da mani di funzionari di uno stato deviato e che giace negli archivi grondanti sangue di qualche inaccessibile palazzo di Stato e non certo nel covo di criminali mafiosi venga restituita alla Memoria collettiva".