Due uomini di 44 e 72 anni sono morti a Mazara del Vallo in una villetta che è andata in fiamme in via Napoli.

Le vittime sono padre e figlio, Vincenzo Monaco di 72 anni e il figlio Livio di 42 anni. Le fiamme sarebbero divampate nel soggiorno pare per un corto circuito.

I vigili del fuoco del comando provinciale di Trapani hanno lavorato tutta la notte nell’abitazione in via Napoli. Le indagini sono condotte dai carabinieri.

Le indagini sono condotte dai carabinieri.

Sono intervenuti anche i sanitari del 118 che hanno constatato il decesso dei due uomini.

Nell’incendio oltre al padre e il figlio è rimasta intossicata anche la moglie e madre dei due uomini Elvira Lasco di 65. La donna è ricoverata in ospedale, in osservazione, ma non è in pericolo di vita.

Nessuno scampo per Vincenzo, 72 anni e Livio Monaco, 42 anni , cardiopatico il primo, invalido il secondo. Morti per asfissia. L’incendio è stato causato dal corto circuito di un elettrodomestico in salone. Indagini dei carabinieri.

Ieri pomeriggio in un altro incendio, probabilmente, causato da un corto circuito di una stufa elettrico, è scoppiato in un appartamento in via Adigrat a Lentini, divorando il proprietario, un anziano di 91 anni, trovato morto dai vigili del fuoc0.

Una tragedia che si è verificata intorno alle 18 ed a dare l’allarme sono stati i residenti della zona, scesi subito in strada per provare a soccorrere la vittima. Tante le richieste di intervento arrivate ai centralini dei vigili del fuoco e dei carabinieri che, insieme ai poliziotti, sono arrivati in una decina di minuti sul luogo dove era scoppiato il rogo.

Le fiamme avrebbero investito il pensionato che, secondo una prima ricostruzione, si trovava nella sua stanza e probabilmente non avrebbe fatto in tempo ad uscire e salvarsi.  La stufa l’avrebbe accesa lui stesso per ripararsi dal freddo che, in questi giorni, imperversa in buona parte della provincia di Siracusa, tra cui a Lentini.

I vigili del fuoco, dopo aver spento le fiamme, hanno trovato il corpo senza vita del pensionato e tra poco il medico legale, incaricato dalla Procura di Siracusa, compirà l’ispezione cadaverica per svelare, con esattezza, le cause del decesso ma è probabile che sarà disposta l’autopsia.