mercoledì - 22 novembre 2017

 
#Totò Riina#messina denaro#carabinieri#polizia municipale#oroscopo

Archivio

dopo l'arresto di 17 persone per mafia ed estorsione

Le Iene al Borgo Vecchio, dove si paga il pizzo “per vivere tranquilli” (VIDEO)

Davanti alle telecamere, in quello che fu il regno dei Tantillo, la diffidenza è molta. Tanti intimano al giornalista di andare via, di non fare domande, o dicono chiaramente che non possono parlare “perché poi ci bruciano la macchina”.

0 condivisioni

Indagine complessa avviata nel 2013

Colpo al clan ‘Brunetto’ specialista nelle estorsioni e nel traffico di droga: 12 persone arrestate (VIDEO)

Operazione antimafia dei Carabinieri a Messina nei confronti di presunti affiliati al clan Brunetto, collegato alla famiglia catanese dei “Santapaola-Ercolano”.

0 condivisioni

Mafia, estorsioni e droga, colpo al clan Brunetto: 12 arresti nel Messinese

Operazione antimafia dei Carabinieri a Messina nei confronti di presunti affiliati al clan Brunetto, collegato alla famiglia catanese dei “Santapaola-Ercolano”.

0 condivisioni

Ha partecipato ad un incontro con la stampa estera

“Riina era un uomo buono, per me è stato un papà”, parla alla stampa il pentito Mutolo

“E ad una domanda su chi sia adesso il nuovo capo della mafia, Mutolo – raccontano fonti che hanno partecipato all’incontro – si è detto scettico su Matteo Messina Denaro: Cosa Nostra, ha detto il pentito, deve scegliere il nuovo boss dei boss”.

0 condivisioni

Le indagini

Rapporto Finanza su massoneria, duecento iscritti raggiunti da provvedimenti o condanne per mafia

“L’incarico di redigere il rapporto – sempre secondo il Corriere della Calabria – era stato conferito dalla Commissione antimafia ai vertici dello Scico della Guardia di Finanza che, forte di tale mandato, ha sequestrato gli elenchi degli iscritti, dal 1990 al 2016, alle logge di Calabria e Sicilia”

0 condivisioni

domani la commemorazione a largo degli abeti

35 anni fa la mafia uccideva l’agente di polizia Calogero Zucchetto

La sera del 14 novembre 1982 il giovane investigatore della Polizia di Stato morì per mano mafiosa. Il Questore di Palermo, alla presenza delle più alte cariche cittadine, della Polizia di Stato, Civili e Militari, deporrà una corona sulla lapide dello sfotunato agente.

0 condivisioni

Mafia Borgo Vecchio, i nomi e le foto degli arrestati (FOTO)

Ecco i nomi e le fotografie di tutti gli arrestati

0 condivisioni

Mafia Borgo Vecchio, Attinasi: “Inaccettabile oppressione sulle attività commerciali”

“Ancora oggi c’è tanto da fare per liberare le imprese commerciali dall’oppressione mafiosa” secondo il presidente di Confesercenti Palermo

0 condivisioni

sarebbe legato al clan rinzivillo

Mafia, arrestato imprenditore ittico gelese: sequestrate aziende per 7 milioni di euro

L’operazione alzò il velo sugli interessi criminali e imprenditoriali del clan Rinzivillo che da Gela ha esportato i propri interessi in tutta la Sicilia, nel Lazio, nel Nord Italia e in Germania.

0 condivisioni

La lotta alla mafia

Federico Cafiero de Raho è il nuovo procuratore nazionale antimafia

Napoletano, 65 anni, de Raho e’ stato a lungo pm a Napoli e ha legato il suo nome al processo ‘Spartacus’ che, scaturito dalle dichiarazioni del primo pentito dei casalesi Carmine Schiavone, porto’ all’azzeramento della cupola del clan.

0 condivisioni

Operazione dei carabinieri

Mafia, sequestrati beni a esponenti del clan Santapaola a Messina (VIDEO)

I carabinieri del ros di Messina hanno sequestrato beni mobili e immobili appartenenti a esponenti  del clan Santapaola

0 condivisioni

Le intercettazioni sull'arresto dei mandanti dell'omicidio del macellaio

“Lo zio Felice Orlando portò un giorno un sacco pieno di armi e una mitraglietta”

Il macellaio Felice Orlando era uno che voleva iniziare la scalata nel quartiere Zen. E si stava attrezzando per avere armi per potere contrastare il predominio dei Lo Piccolo.

0 condivisioni

Berlusconi indagato, coro unisono di ‘sdegno’ dal centrodestra: “Giustizia ad orologeria”

“Noi abbiamo bisogno di verità, di un processo per strage ai probabili concorrenti della mafia ‘cosa nostra’, non di manfrine da operetta fra segretari di partito e compagni di ‘merende politiche’ varie” ha sottolineato la presidente dell’Associazione Geogorfili.

0 condivisioni

Berlusconi e Dell’Utri mandanti delle stragi del ’93, torna il centrodestra e tornano anche le inchieste

La procura di Firenze li ha iscritti nel registrato degli indagati con nomi in codice ma a 5 giorni dalle elezioni siciliane la notizia emerge ugualmente

0 condivisioni

Mafia, torna in carcere il reggente di Bagheria, Di Stasio: “Ulteriore conferma che lo Stato c’è” (VIDEO)

Il comandante dei Carabinieri di Palermo sottolinea l’importanza dell’operazione che riporta in carcere un altro presunto capo di Cosa Nostra

0 condivisioni

In precedenza con il clan Santapaola

Mafia: beni per un milione e mezzo di euro sequestrati a Mario Strano, esponente del clan ‘Cappello-Carateddi’ (VIDEO)

L’operazione è stata eseguita dalla polizia dopo che era stata accolta la proposta di attivazione delle misure di prevenzione avanzata dal questore Gualtieri

0 condivisioni

i beni sequestrati valgono 1 milione e mezzo

Mafia, sequestrati beni a esponente clan Cappello, ci sono anche una azienda di trasporti e vari appartamenti riccamente arredati

L’operazione è stata eseguita dalla polizia dopo che era stata accolta la proposta di attivazione delle misure di prevenzione avanzata dal questore Gualtieri

0 condivisioni

Considerato vicino alla famiglia di Mistretta

Mafia, la Dia sequestra beni per 1,5 milioni di euro all’imprenditore messinese Antonino Smiriglia

L’operazione condotta dalla Dia riguarda anche alcune società nel settore degli inerti ed è coordinata dalla Dda di Messina

0 condivisioni

Mafia, scatta il sequestro per i beni di un noto imprenditore messinese

L’operazione condotta dalla Dia riguarda anche alcune società nel settore degli inerti ed è coordinata dalla Dda di Messina

0 condivisioni

l'analisi di Vicenzo MUsacchio

Il quarto livello della mafia: cos’è e da chi è composto?

Dopo il  fallito attentato dell’ Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone affermò testualmente: “Ci troviamo di fronte a menti raffinatissime che tentano di orientare certe azioni della mafia. Esistono forse punti di collegamento tra i vertici di Cosa Nostra e centri occulti di potere che hanno altri interessi. Ho l’ impressione che sia questo

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.