L’acquacotta è un piatto tipico della cucina toscana. Per essere precisi, questa pietanza “svuota frigo” che ha origine nelle verdi campagne della Maremma.

E’ un piatto della cucina contadina e si realizza  con ingredienti semplici e genuini.

L’acquacotta puà essere preparata con ingredienti variabili. L’importante è seguire le regole della cottura, regolarsi con quel che si trova in casa. Ed avere a disposizione del brodo vegetale, che serve come base a questa zuppa.

Ecco gli ingredienti per la versione basic di due porzioni dell’Acquacotta: 400 gr di cipolle, 100 gr di sedano,  400 gr di pomodori pelati, 50 gr di olio di oliva extravergine, 100 gr di acqua, 250 gr di brodo vegetale, 2 uova, 2 fette di pane vecchio,  50 gr di pecorino grattugiato e del basilico.

Il primo passo è pelare  le cipolle e tagliarle a fettine sottili. Poi, si deve sminuzzare il sedano. Versate l’olio in una casseruola, aggiungete cipolle e sedano, salate e unite anche l’acqua.

Cuocete a fiamma media finché l’acqua non sarà evaporata tutta, quindi unite i pomodori pelati dopo averli schiacciati con una forchetta.

Coprite col brodo caldo, mescolate, chiudete parzialmente con un coperchio e cuocete per circa 40 minuti, mescolando di tanto in tanto. Verso fine cottura, quando il sughetto si sarà già abbastanza ristretto, aggiungete le uova, disponendolo un po’ distanziate tra loro.

Aggiustate di sale, coprite con un coperchio e cuocete finché le uova non saranno cotte (ci vorranno circa 4-5 minuti). Nel frattempo mettete una fetta di pane raffermo in una delle due cocotte monoporzione, aggiungete sopra metà pecorino grattugiato e poi metà della zuppa, prendendo anche un uovo.

Lo stesso procedimento va eseguito per  la seconda cocotte.