a sud-ovest di paternò

Scossa di terremoto nel Catanese

Una scossa di terremoto di magnitudo 2.0 è stata registrata alle 13.28 a 8 chilometri a sud-ovest di Paternò dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) di Roma. L'ipocentro è stato localizzato a una profondità di 22 chilometri.

incontro a palazzo chigi con protezione civile e sindaci

Sabato e domenica Di Maio in Sicilia nei comuni terremotati e alluvionati

Per i comuni etnei colpiti dal terremoto che ha reso inagibili edifici pubblici, luoghi di culto, provocato la chiusura di strade e arterie di collegamento, nei giorni scorsi la Regione siciliana aveva chiesto lo stato di emergenza, mentre per i comuni alluvionati si appresta a stanziare 6 milioni di euro.

domenica la visita del presidente mattarella nei luoghi coinvolti dal sisma

Cinquant’anni fa il terremoto del Belìce, una mostra racconta la tragedia (FOTO)

Alle 16.48, ci fu la terza scossa: si sbriciolarono i muri di Gibellina, Menfi, Montevago, Partanna, Poggioreale, Salaparuta, Salemi, Santa Margherita e Santa Ninfa. Nella notte, alle 2.33, un’altra scossa molto violenta si avvertì fino a Pantelleria. Ma quella devastante, definitiva, fu alle 3.01: il Belìce non esisteva più.

la scossa è stata avvertita in sicilia, calabria e campania

Terremoto di magnitudo 5.7 nel Tirreno a nord di Ustica

Il sisma, con epicentro in mare aperto, a 474 chilometri di profondità, non ha provocato alcun danno ma la vicinanza al vulcano Marsili fa riaccendere i riflettori sulla possibilità che una sua futura eruzione sia in grado di provocare un vero e proprio tsunami sulle coste dell'Italia meridionale.