Nell’incontro, in Commissione, l’assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza, ha dato il via libera ad altri ospedali di comunità.

Ospedale di comunità a Pachino

In lizza ci sono Pachino, nella zona sud del Siracusano, dove non c’è il servizio di assistenza medica notturna, oltre al rischio chiusura del Pte, presidio territoriale di emergenza, a causa della mancanza di medici, e Palazzolo Acreide, nella zona montana.

Le nuove strutture con il PNRR prima del vertice

Ecco cosa prevede il PNRR sulla sanità nel Siracusano: 4 ospedali di comunità al presidio ospedaliero di Lentini, al Trigona di Noto e al Rizza di Siracusa ed a Pachino. Inoltre, 12 case di comunità, ad Augusta, Avola, Floridia, Francofonte, Lentini, Melilli, Noto, Pachino, Palazzolo, Rosolini e due a Siracusa. Infine 4 centrali operative territoriali dislocate al Muscatello di Augusta, al Pta di Lentini, al Trigona di Noto e all’ex Onp di Siracusa.

Cannata (FdI)

“L’assessore regionale della Salute, Ruggero Razza, ha dato la disponibilità a verificare e approfondire la pianificazione, assicurando la meritata attenzione che il territorio siracusano reclama. Per quanto mi riguarda, continuerò a sostenere il percorso di potenziamento e rafforzamento dei servizi sanitari territoriali per troppi anni trascurati”

Cafeo (Lega)

“Siamo riusciti – dice il parlamentare regionale della Lega, Giovanni Cafeo – ad ottenere una quota maggiore di risorse per il territorio siracusano, stornandole da quelle che erano previste per Catania. La situazione nella zona sud e montana della provincia richiedeva uno sforzo perché non si possono lasciare intere comunità senza assistenza; allo stesso tempo, siamo riusciti ad avere l’impegno del Governo regionale per incrementare la strumentazione sanitaria”.

Ternullo (FI)

“Ciò che però rappresenta una essenziale necessità per tutto il comprensorio – dice Daniela Ternullo di Forza Italia – è che il Trigona di Noto sia inquadrato come ospedale di primo livello. È una richiesta che ho manifestato con varie interpellanze e interrogazioni in questi anni e che oggi, ho ribadito all’Assessore Razza – preciso che sono stata l’unica in commissione a farlo”.

Il coordinatore del Mpa di Siracusa

Sull’aumento degli ospedali di comunità è intervenuto il coordinatore del nuovo Mpa, Mario Bonomo.

“Evidentemente le vibranti proteste – dice Bonomo – del nostro Movimento per la Nuova Autonomia, quelle dell’onorevole Vinciullo, le nette prese di posizione dei primi cittadini di Pachino e di Portopalo e della Comunità Montana, hanno fatto sì che il fronte che vuole finalmente un’attenzione concreta verso zone trascurate fino ad ora, si stia allargando. Aspettiamo ora altre conversioni, per il bene della provincia di Siracusa”.

 

 

 

Articoli correlati