Iniziativa in vista del 1 maggio

Braccianti agricoli bloccati a Cassibile, i sindacati chiedono regolarizzazione per oltre trecento lavoratori

Tra Siracusa e Avola lavorano circa 4.000 braccianti, la metà dei quali sono migranti. Solo un migliaio di loro ha regolare contratto di lavoro, “gli altri lavorano in nero, sottopagati, sfruttati”, scrivono Cgil e Flai. L’anno scorso Cgil e Flai siciliane e di Siracusa tennero una delle manifestazioni del primo maggio proprio a Cassibile.
+393774389137